Scroll to Top

Gabriele Muccino, Nuovo Film 2018: “A Casa tutti bene”

Scritto da Daniela Merola / Pubblicato il 08 Feb 2018

Il nuovo film di Gabriele Muccino segna il ritorno in Italia del regista romano con “a casa tutti bene”, una commedia corale con un super cast che comprende Stefania Sandrelli, Ivano Marescotti, Stefano Accorsi, Pier Francesco Favino, carolina Crescentini, Sabrina Impacciatore, Massimo Ghini, Giampaolo Morelli, Giulia Michielini, Claudia Gerini e in due brevi camei Gianfelice Imparato e Tea Falco.

E’ la storia di una famiglia che si ritrova “prigioniera” a Ischia e non è un racconto generazionale ma il film racconta gli stati dell’animo umano, sottigliezza sulla quale si muove tutto il film. La storia racconta che nella quiete di una grande villa di Ischia ci sono Pietro (Marescotti) e sua moglie Alba (Sandrelli) e per festeggiare i loro 50 anni di matrimonio organizzano una cerimonia in chiesa che poi si conclude alla grande villa. A questo evento partecipano i tre figli della coppia con le loro mogli, il marito, i nipoti, alcuni cugini, amici stretti. Una bella rimpatriata di una grande famiglia che solo apparentemente sembra serena. Al momento della partenza dall’isola verde il mare in tempesta impedisce che gli aliscafi partano, costringendo tutti ad una convivenza forzata alla villa.

Questo è lo spunto della commedia “a casa tutti bene”, film di Gabriele Muccino scritto con Paolo Costella e Sabrina Impacciatore. Prodotto dalla lotus production di marco Belardi con rai cinema il film esce giovedì 15 febbraio distribuito da 01. La trama non è propriamente originalissima ma al centro della narrazione non c’è il conflitto generazionale ma mette in scena i diversi punti di vista sulla vita e sui rapporti umani  dei componenti della famiglia. Muccino ha focalizzato la sua attenzione sulla reazione dell’animo umano di fronte alle difficoltà della vita ma inevitabilmente anche sulle relazioni in famiglia, punto focale della società. Il film corale permette agli spettatori di immedesimarsi su uno o su un altro personaggio del film e a capirne le umane reazioni. “A casa tutti bene” parla della centralità della famiglia, luogo dal quale si fugge via ma al quale poi si ritorna sempre perché non esiste una famiglia “normale” ma tutte sono “disfunzionali”.

Nel film ci sono scene di rabbia molto forti tra i coniugi e Muccino ha voluto specificare che essa fa parte dei rapporti di coppia senza che essi però debbano degenerare. Il film si fa apprezzare per la sua coralità e per la tematica della famiglia più che mai motivo di dibattito in Italia.