Scroll to Top

Harry contro le mine in Angola seguendo le orme di Lady Diana

Scritto da Ambra Leanza / Pubblicato il 01 Ott 2019

Il principe Harry seguendo le orme della mamma Lady Diana ha fatto visita in questi giorni  a un sito di sminamento a Dirico, in Angola, indossando, proprio come fece lei,  l’ormai famoso giubbotto azzurro antiproiettile con tanto di casco trasparente.

 Il duca Di Sussex visita un campo di sminamento

Il Duca di Sussex proprio come la madre ha camminato sul campo minato circondato dalle bandierine rosse,  aiutando anche a far esplodere una delle mine ancora sepolte nella zona. Emozionato si è diretto poi a Huambo, un tempo pericoloso campo di mine, dove la madre camminò nel 1997.  Il principe ricordando la madre ha pronunciato un breve discorso concludendo: “Se fosse ancora viva, sono sicuro che mia madre avrebbe continuato a lavorare per la causa”.

La visita, compiuta, come nel caso di Diana, in collaborazione con l’associazione The Halo Trust, costituisce uno dei momenti più importanti del viaggio africano intrapreso da Harry con la moglie Meghan e il figlio Archie.

Il principe si è unito agli esperti dell’Halo Trus per iniziare la giornata, una serie di istruzioni  lo hanno invitato a non allontanarsi mai dal sentiero indicato, a non toccare nulla e a evitare di correre. Il principe ha poi ripercorso il cammino intrapreso dalla mamma che, dopo aver visto con i propri occhi la distruzione causata e i tanti bambini feriti, aveva detto: «Se un divieto internazionale sulle mine può essere garantito, significa, guardando molto avanti, che il mondo potrebbe essere un posto più sicuro per i nipoti di questa generazione».

Trattato di pace

L’area di Huambo un tempo desolata, inabitabile ed estremamente pericolosa si è trasformata in un centro vivace e vibrante, con college, scuole e piccole imprese. mine. «La visita della principessa Diana  ha scritto Harry sui social– ha contribuito a cambiare il corso della storia e ha portato direttamente alla Convenzione contro le mine antiuomo, nota anche come Trattato di Ottawa.