Scroll to Top

Alberto Sordi: L’omaggio di Mediaset per i cento anni della nascita dell’attore

Scritto da Roby Contarino / Pubblicato il 13 Giu 2020

A 17 anni dalla sua scomparsa Mediaset rende omaggio al grande attore.

Alberto Sordi: L’omaggio di Mediaset per i cento anni della nascita dell’attore

Il 15 giugno 1920, esattamente cento anni fa, nasceva a Roma Alberto Sordi. Attore, regista, comico, sceneggiatore, compositore, cantante e doppiatore italiano. Eccellenza e vanto italiano seppe con la sua ilarità e semplicità risollevare il morale di un’Italia piegata dalla guerra. Alberto Sordi tenta, si diverte, si fabbrica una maschera ed anno dopo anno diventa un volto familiare per tutti. La maschera rubiconda, pavida, invadente, megalomane, mitomane, logorroica, furbacchiona che rispecchia tanti lati dell’italiano medio. Attore geniale ed autentico, porta sul grande schermo vizi e virtù degli italiani. Punto di riferimento per gli amanti della commedia. Alberto Sordi era “l’italiano vero con la I maiuscola, nei suoi pregi e difetti”. Nella sua lunga carriera ha fatto ridere, piangere, riflettere e divagare. Con più di 180 film è riuscito a tracciare l’esatta figura dell’italiano medio. Nel 1953 fu lui a consegnare la fascia di più bella d’Italia, in quel di Cortina d’Ampezzo, alla giovane romana Marcella Mariani. E’ morto il 23 febbraio del 2003 all’età di 83 anni.

Alberto Sordi: L’omaggio di Mediaset per i cento anni della nascita dell’attore

Dal 13 al 20 giugno nella loro programmazione Canale 5, Retequattro e Cine34 racconteranno il Sordi pubblico e quello privato offrendo un ritratto autentico dell’attore romano. Si comincerà questa sera con l’approfondimento di Clemente J. Mimun, dal titolo “Magnifico Testimone”, affidato ad Anna Praderio, che ripercorrerà la lunga carriera dell’attore attraverso le sue stesse parole, in due interviste del 1995 e del 1999. Il percorso proseguirà con le testimonianze dei colleghi Carlo Verdone, Enrico Montesano e Gigi Proietti, che si concluderà con le parole della storica publicist Paola Comin. Domani, domenica 14, dalle ore 14:00 il ricordo della rete diretta da Giancarlo Scheri, i super classici “In viaggio con papà” e “Io so che tu sai che io so”. Lunedì 15, n day-time, il lungometraggio “Polvere di stelle” su RetequattroCine34 dedicherà sei serate ad Alberto Sordi, dal 15 al 20 giugno. La rassegna Sordi 100, per un totale di 18 pellicole, va in onda in access, prime-time e seconda serata. Di seguito il resto della programmazione:

Lunedì 15: Il prof. Dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue (1969, di Luciano Salce); Il vigile (1960, di Luigi Zampa, con Vittorio De Sica, Sylva Koscina, Marisa Merlini); Tutti dentro (1984, con Joe Pesci e Dalila Di Lazzaro);

Martedì 16: Lo scapolo (1955, di Antonio Pietrangeli, con Nino Manfredi); Sono un fenomeno paranormale (1985, di Sergio Corbucci, con E. Brigliadori); Quelle strane occasioni (1976, di Comencini, Loy, Magni, con P. Villaggio e S. Sandrelli);

Mercoledì 17: Il comune senso del pudore (1976, di e con Alberto Sordi; con Cochi Ponzoni, Giò Stajano, Florinda Bolkan, Claudia Cardinale, Philippe Noiret, Ugo Gregoretti); Finché c’è guerra c’è speranza (1974, di e con Alberto Sordi e Marcella Di Folco); Allegro squadrone(1954, di Paolo Moffa, con V. De Sica, D. Gélin, Paolo Stoppa)

Govedì 18: Io so che tu sai che io so (1982, di e con Alberto Sordi e Monica Vitti); Polvere di stelle, in versione restaurata (1973, di e con Alberto Sordi e Monica Vitti); Buonanotte… avvocato! (1955, di Giorgio Bianchi, con G. Masina e V. Caprioli);

Venerdì 19: Il medico e lo stregone (1957, di Mario Monicelli, con V. De Sica, M. Mastroianni, M. Merlini); Il presidente del Borgorosso Football Club (1970, di Luigi Filippo D’Amico); Dove vai in vacanza? (1978, di Mauro Bolognini, Luciano Salce, Alberto Sordi);

Sabato 20: Il Conte Max (1957, di Giorgio Bianchi, con Vittorio De Sica e Alberto Sordi); In viaggio con papà (1982, di e con Alberto Sordi e Carlo Verdone) Nestore, l’ultima corsa (1994, di e con Alberto Sordi).