Carla Fracci: Milano la saluta con calorosi applausi

Carla Fracci, SpyNews.it

Il funerale di Carla Fracci si è svolto nella basilica di San Marco a Milano

La più grande étoile della Scala è morta nella giornata di ieri a 84 anni, a causa di un tumore con cui lottava da diverso tempo e l’aveva portata ad un peggioramento. Era nata nell’ agosto del 1936 da madre operaia e papà tranviere, a Milano. I genitori iscrissero Carla a Scuola di ballo del Teatro alla Scala, all’età di 10 anni. A 12 anni partecipò già come comparsa nello spettacolo “La bella addormentata” dove, l’incontro con la grande ballerina Margot Fonteyn, restituì un senso ai suoi sacrifici e alla disciplina richiesta per fare danza.

La carriera di Carla Fracci

Subito dopo il diploma divenne solista, per poi ricoprire il ruolo di étoile della Scala nel 1958, a soli 22 anni. La poesia che sucitavano la leggerezza, la sapienza tecnica dei suoi passi di danza, la condussero in giro per il mondo. Infatti Carla ha vantato successivamente collaborazioni con compagnie straniere quali London Festival Ballet, Royal Ballet, Stuttgart Ballet e Royal Swedish Ballet, essendo anche ospite dell’American Ballet Theatre, negli anni ‘70. Tra i partner con cui ha lavorato ricordiamo Paolo Bortoluzzi, Amedeo Amodio, Erik Bruhn, Vladimir Vasiliev, Rudol Nureyev, Henning Kronstam.

Il saluto di una numerosa folla di gente

Il feretro di Carla Fracci è entrato nel foyer della Scala alle 11:30 circa, dove è stata allestita la camera ardente. I visitatori potranno accedere fino alle 18. Ad accogliere la salma dell’étoile il sovrintendente Dominique Meyer e il sindaco di Milano Giuseppe Sala. All’arrivo del carro funebre è partito il lungo applauso di un centinaio di persone per portare l’ultimo saluto a Carla, sia all’esterno che all’interno del teatro. Erano presenti la sorella Marisa Fracci, il direttore del corpo di ballo Manuel Legris, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il direttore generale Maria Di Freda, il direttore della scuola di ballo Frederic Olivieri.

Scritto da Olga Labianca

Psicologa in ambito clinico e della salute. Insegnante di sostegno presso scuola primaria. Docente di psicologia generale, psicologia dell'emergenza e sociologia della salute presso Croce Rossa.
Mamma a tempo pieno.

, SpyNews.it

Con gli occhi dei bambini masterclass di canto in tutta Italia

, SpyNews.it

Eitan si è svegliato e ha parlato con la zia