Luca Tommassini, da Madonna ad Amici di Maria De Filippi

Luca Tommassini
Luca Tommassini

Una carriera in continua ascesa quella di Luca Tommassini che ora ritorna su canale 5 con Maria De Filippi. La nuova sfida: direttore artistico del serale di Amici.

Luca Tommassini, gli inizi della sua carriera

Il talento è per Luca “quel qualcosa che spalanca le ali e ti fa sollevare verso un cielo infinito: quello dei sogni”. Talento e coraggio hanno orientato il destino di un ragazzo che, appena sedicenne, è partito da un quartiere di Roma alla volta dell’America, per realizzare i propri sogni.
Madonna, Michael Jackson, Prince e Whitney Houston sono solo alcuni dei grandi nomi con i quali Tommassini ha lavorato.
Da ballerino a coreografo, da produttore a direttore artistico, la sua carriera è iniziata con una frase: “Vai e non voltarti indietro”
Questo è il messaggio ricco di amore e di speranza con cui la mamma Lina ha lasciato il figlio  libero. Libero di volare in America, libero di tentare la carriera artistica, libero di percorrere un cammino che ha portato Luca Tommassini a diventare il ballerino più apprezzato al mondo.

La vita di Luca Tommassini ha visto alternarsi alti e bassi. Non è mai mancata però la speranza.
Nato in un quartiere di Roma, Tommassini viveva in un appartamento di 50 metri quadrati. Non aveva un letto comodo su cui dormire. Condivideva il divano con la sorella.
I suoi sogni però lo hanno sempre portato a credere in un futuro speciale, delineando il suo percorso di vita:

“Sognavo di vivere in un castello. Quando camminavo sentivo la musica e mi immaginavo in un musical”.

Luca Tommassini, l’anno della svolta: dalla miseria al lusso sfrenato

I suoi desideri hanno iniziato a prendere forma quando ha aperto una scuola di ballo vicino a casa sua. Luca aveva solo 9 anni e la madre, sua complice, lo iscrisse all’insaputa del padre. Il suo primo insegnante di ballo fu Enzo Paolo Turchi.
Le sue capacità non passarono inosservate e a 16 anni vinse una borsa di studio che lo portò in America. Luca partì senza soldi, ma con tanta voglia di affermarsi:

“Mi sono trovato a dormire per strada in America, senza soldi, ma ce l’ho fatta grazie alla mia passione”.

Quello fu l’anno della svolta.
Ospitato da amici ballerini, Tommassini ha avuto uno slancio di coraggio che gli ha permesso di ballare agli Oscar, affermando il suo nome a livello internazionale.
Nel 1990 i suoi amici dovevano partecipare alle audizioni per ballare alla notte degli Oscar. Luca non aveva il permesso di soggiorno, né un agente, non poteva dunque iscriversi.

Luca Tommasini Michael Jackson
Luca Tommasini con Michael Jackson

Era grande però la voglia di emergere. Talmente grande da spingere il ballerino a scavalcare un muro alto ben tre metri, pur di entrare negli Studios dove si tenevano le selezioni. Grazie alla sua determinazione raggiunse il palco, dove si è esibì superando tutte le audizioni previste.
“Tu sarai uno dei ballerini degli Oscar” gli comunicò una coreografa, aprendo la strada di Tommassini a una carriera internazionale che lo portò ad affermarsi in tutto il mondo.
Da quel momento il ballerino ha conosciuto i nomi dei più grandi cantanti americani, lavorando per loro e con loro.
Fra questi, Michael Jackson, col quale Tommassini giocava ai videogiochi, Withney Houston, Madonna, Prince, Kylie Minogue. Un enorme passo avanti per un ragazzo cresciuto in un quartiere romano, che da un giorno all’altro si è trovato in mezzo al lusso più sfrenato e agli eccessi.

Luca Tommassini e il suo anno nero: “ho conosciuto le droghe”

L’incontro con Withney Houston fu importantissimo per la carriera di Luca Tommassini, ma portò il ragazzo all’interno di un mondo che lui non conosceva.
Tommassini ha infatti raccontato che la Houston cercava ballerini di colore, alti 1,90 m.
“Io sono alto 1,78 m e sono bianco”, ha spiegato Tommassini.“Ho fatto tante lampade e mi sono ricordato che mio padre metteva i tacchi interni nelle scarpe”.
Dimostrando ancora tanto coraggio e tanta voglia di fare, il coreografo ha così iniziato una stretta collaborazione con la cantante statunitense più popolare del mondo, partendo per un tour mondiale:

“È stato un anno nero, ho conosciuto le droghe. Avevo 21 anni e mi sono perso nel lusso estremo”.

Lusso, eccessi e droga facevano purtroppo da sfondo alla vita della Houston.
L’amore per la madre e la sua passione, limpida e pura, per il ballo, hanno aiutato Luca ad uscire da quel mondo, per tornare in Italia e rincorrere i suoi sogni.
 “Finito il tour ho scelto di non tornare negli Stati uniti e di tagliare con gli amici che usavano droghe”.
Questa scelta, che dimostra un carattere forte e coraggioso, gli ha aperto la strada verso un futuro ricco di successo.

Luca Tommassini e il rapporto con mamma Lina

Mamma Lina è la donna più importante della vita di Luca Tommassini. La donna per la quale il ballerino ha dato tutto, affrontando con coraggio le varie sfide che gli si sono presentate davanti:

“Su ogni palco dove ho ballato non ero mai solo, eravamo in due: io e mia mamma Lina”. E ancora:“Le mamme sono il motivo per cui noi brilliamo. La mamma ti dà forza e coraggio”

Parole piene di riconoscenza e affetto, quelle con cui Luca Tommassini parla della madre.
Una donna forte e coraggiosa al fianco della quale il ragazzo ha affrontato momenti difficili. Complice del figlio in ogni momento, lo ha sempre supportato e sostenuto. Insieme hanno superato il bullismo di cui era vittima Luca e gli atteggiamenti violenti del padre: “Siamo sempre andati in giro per strada mano nella mano”
Mamma Lina, abbandonata dal marito con i figli piccoli, ha iniziato a fare le pulizie nelle case delle persone per poter pagare le lezioni di ballo al figlio. Un amore grande che ha permesso al ragazzo di diventare l’uomo che è oggi.
“Vai e non voltarti”: con questo messaggio è iniziata la carriera professionale di Luca. Lina infatti ha accettato che il figlio andasse in America, pur di vederlo contento e permettergli di raggiungere i suoi sogni.

I momenti difficili della vita di Luca Tommassini: vittima di bullismo e picchiato dal padre

Come spesso accade, le vite delle persone che hanno raggiungono vette importanti hanno alle spalle un passato difficile. Un passato senza il quale forse non avrebbero raggiunto gli stessi risultati.
Luca Tommassini ha dovuto affrontare due vicende tristi e difficili: il bullismo  e il rapporto con il padre, spesso assente e violento.
In seguito ad una pubblicità in cui sponsorizzava il Calippo, il ballerino, giovanissimo, ha iniziato ad essere preso in giro. I bulli lo insultavano per strada. La loro ignoranza e la loro cattiveria non hanno però bloccato i sogni di Luca.
Fortunatamente il ballerino, con la complicità ed il sostegno della mamma, ha sempre camminato a testa alta. Ha proseguito lungo il suo cammino raggiungendo le vette più alte.
Il passato di Luca è segnato anche dalla presenza/assenza di un padre violento. Tommassini ha raccontato che il padre picchiava lui, la sorella e la loro mamma:

“Sicuramente soffriva anche lui, perché chi fa del male è perché lo ha subito. Ma questo ciclo va interrotto”
“Io cerco di imparare a perdonare. Voglio conoscere i meccanismi che ti portano a mettere le mani addosso a persone più deboli”.

Luca Tommassini e Madonna

Nel 1993 Luca Tommassini entrò a far parte del corpo di ballo di Madonna. La famosissima cantante divenne presto la sua insegnante di vita.
“Fai prima la cosa che hai meno voglia di fare e lascia per ultima quella che ami”.
Questo è il primo insegnamento che Madonna diede al ballerino.
Il tour mondiale The Girlie Show  fu una tappa importantissima nella carriera di Tommassini. Durante una delle coreografie il ballerino professionista, ormai apprezzato nel mondo, doveva abbracciare la cantante: Abbarcciare lei era come abbracciare mia madre”.

https://www.instagram.com/p/BgN-a7ElpXT/?taken-by=lucatommassini

Dopo il tour con Madonna, Luca Tommassini iniziò a lavorare per moltissime star americane. Fra queste Prince, Withney Houston, Kylie Minogue, Michael Jackson. Sono numerosi anche gli artisti italiani con i quali ha collaborato, come Baglioni, Elisa, Pavarotti, Giorgia, Jovanotti, Morandi, Tiziano Ferro, Ramazzotti.

Luca Tommassini rivoluziona Amici di Maria De Filippi

Dopo aver lanciato una provocazione su Instagram, indossando la maglia rossa di Amici con scritto “Sfida”, Luca Tommassini è il nuovo direttore artistico del talent show di Canale 5.

“Maria De Filippi è uno dei personaggi più importanti della televisione. Riesce ad attirare l’attenzione di tutta Italia ogni giorno” ha affermato Luca.

Entrando nel programma in sostituzione di Giuliano Peparini, Tommassini introdurrà importanti novità.
Le puntate del serale saranno in diretta Tv per evitare che trapelino indiscrezioni prima della messa in onda.
I ragazzi inoltre non avranno più le famose tutine bianche e blu. Ballerini e cantanti si esibiranno con “costumi, trucco e parrucco”. Potranno così esprimere la loro personalità e calarsi perfettamente nella scena.
“Io farò di tutto per aiutarvi, mettervi a fuoco. Io sto dalla vostra parte” ha spiegato Luca agli allievi.
Il ballerino ha raggiunto obiettivi ambiziosi nella sua vita. Lo ha fatto mantenendo un profilo umile, sotto al quale si nascondono una personalità forte ed un vero talento.
Luca Tommassini, lungo il suo cammino, ha sempre unito l’arte e la fede. Parlando del suo nuovo ruolo nel programma condotto da Maria De Filippi, ha infatti spiegato: Il più grande direttore artistico è Dio.

Luca Tommassini Amici
Luca Tommassini con Maria De Filippi ad Amici

Scritto da Camilla Deponti

Filippo Magnini e Giorgia Palmas

Filippo Magnini e Giorgia Palmas è amore

Alex Migliorini e Alessandro D'Amico

Alex Migliorini e Alessandro D’Amico si sono lasciati