Scroll to Top

Io sono Mia: recensione e trailer del film su Mia Martini

Scritto da Roby Contarino / Pubblicato il 12 Gen 2019

La recensione del nuovo film dedicato alla cantante Mia Martini.

Io sono Mia: recensione e trailer del film su Mia Martini

Il 14, 15 e 16 gennaio verrà trasmesso nelle sale cinematografiche, in anteprima, “Io sono Mia”. Si tratta di un film biografico dedicato alla cantante Mia Martini, una delle voci femminili più belle ed espressive della musica leggera italiana di sempre, caratterizzata dal suo essere sofisticata ma non stucchevole e impreziosita da una forte intensità interpretativa. Il film verrà, nel mese, di febbraio messo in onda su Rai Uno, per dare a tutti l’occasione di accarezzare nuovamente e riscoprire la storia di una grande artista. Il film racconta passo per passo la vita tormentata di una donna, inguaribile romantica. Una donna che ha conosciuto le luci della ribalta ma che ha dovuto sopportare ingiustizie.

Io sono Mia: recensione e trailer del film su Mia Martini

Ad interpretare Mia Martini, ci sarà la bravissima Serena Rossi. La storia inizia e finisce al Festival di Sanremo dell’89, quando Martini partecipò con Almeno tu nell’universo, canzone che ancora oggi viene considerata la più bella in assoluto. Mia Martini, un’artista di grandissima dote che ha sempre lottato a testa alta contro un mondo meschino che spesso l’ha delusa e l’ha tradita. Una personalità indomita, innamorata della musica alla quale ha dedicato l’intera esistenza. Una vita dedicata alle piccole e semplici cose della vita e al tempo stesso combattuto da un passato sofferente e avventuroso. Un’esistenza culminata con la morte, improvvisa e silente che la colse il 12 maggio 1995. Il suo corpo senza vita venne ritrovato due giorni dopo dai vigili del fuoco. La trovarono riversa sul letto, in pigiama, con le cuffie del mangianastri nelle orecchie e con il braccio proteso verso un vicino apparecchio telefonico.

Io sono Mia: recensione e trailer del film su Mia Martini

Il repertorio dell’artista calabrese viene ricostruito dettagliatamente nella sceneggiatura del film, opera di Monica Rametta. Cinque canzoni che hanno segnato l’esistenza della cantante. Il debutto dissacrante con la canzone “Padre davvero”. Poi “Piccolo Uomo”. Il grande successo “Minuetto”. “E non finisce mica il cielo” che la consacrò alla gloria. Poi la caduta e il ritiro dalle scene fino al ritorno alla ribalta con “Almeno tu nell’universo”. Il regista Riccardo Donna inserisce nel film personaggi romanzati che distaccano dunque da una biografia fedele. Ottima l’interpretazione di Serena Rossi che veste alla perfezione i panni della mitica ed inimitabile Mia Martini.

Il trailer