Come risparmiare acqua in casa: i migliori metodi

, SpyNews.it

Il risparmio d’acqua è diventata una necessità sotto diversi punti di vista. Limitare i consumi è utile per non trovare brutte sorprese in bolletta, ma anche a livello ambientale: l’acqua è una risorsa preziosa e preservarla è un dovere. Ma come risparmiare acqua in casa? Chiudere il rubinetto quando ci si lava i denti potrebbe non essere sufficiente, ecco alcuni utili consigli

Il risparmio idrico è un tema fondamentale di cui si inizia a parlare molto. Spesso l’educazione ambientale arriva dalle scuole, spesso dai media: il messaggio è chiaro, non sprecare acqua permette di risparmiare e di vivere in maniera più sostenibile. Ne sono esempio le sempre più frequenti crisi idriche, come quella del 2017 in Italia. Quali sono quindi i metodi più efficaci per risparmiare?

 Scegliere una rubinetteria adatta

Nel caso stiate per cambiare l’arredo bagno o per ristrutturare casa è bene tener a mente alcuni criteri prima di scegliere la rubinetteria. Alcuni dei modelli più recenti garantiscono un risparmio energetico che non ha eguali. Grazie alla struttura del sifone interno e all’immissione di aria nel getto d’acqua è possibile tagliare quasi della metà i consumi idrici.

Per intendersi, è sempre necessario chiudere l’acqua mentre si lavano i denti o si insaponano i piatti, ma il risparmio che questi rubinetti di ultima generazione possono offrire è senza pari.

Tra i vari marchi che possano conciliare design (elemento non secondario nell’arredamento) ed energy saving c’è sicuramente Huber. Tramite Huber shop online è possibile acquistare i prodotti del marchio senza passare dal negozio fisico.

Visto, poi, che fare la doccia permette di utilizzare molti meno litri d’acqua rispetto al farsi un bagno, tanto vale comprare anche un braccio doccia di ultima generazione che contribuisca al risparmio idrico anche in caso di erogazione prolungata d’acqua.

Controlla la cassetta del water

In linea di massima la capienza media di una cassetta del water è di 12 litri: questi vengono scaricati tutti insieme ogni qual volta che si tira lo sciacquone. Non sempre, però, è necessario l’utilizzo di tutti i 12 litri. Potreste valutare l’acquisto di uno sciacquone con doppio comando (un tasto permette di rilasciare 6 litri, l’altro 12): un ottimo compromesso per l’ambiente.

Far lavorare gli elettrodomestici a pieno carico

È vero che gli elettrodomestici come lavatrice e lavastoviglie hanno spesso una funzione che permette di effettuare mezzo lavaggio ma, in termini di consumi idrici ed energetici, farli lavorare a pieno carico è sempre un’ottima idea. Si risparmierà tempo, detersivo, ma soprattutto acqua.

Lavare le verdure in una ciotola d’acqua

Ogni sforzo per limitare il consumo di acqua corrente produce dei risultati tangibili: ad esempio lavare le verdure in una ciotola già riempita piuttosto che con il getto continuo aiuta a risparmiare diverse decine di litri ad ogni lavaggio. Stessa cosa si potrebbe dire per il lavaggio dell’auto fatto in casa: non utilizzare un tubo collegato ad un rubinetto ma diversi secchi già riempiti, il risparmio sarà notevole.

Questi sono solo alcuni dei consigli per il risparmio idrico: ogni pratica quotidiana per ridurre l’uso e soprattutto lo spreco può fare veramente la differenza!

Scritto da Massimo Esposito

, SpyNews.it

Erika De Nardo si è sposata: la rivelazione di Don Mazzi

, SpyNews.it

Jade Mega: chi è, età, carriera, Instagram